Category: Mobilità

Via Nicotera, cede l’asfalto per mancanza di manutenzione?

COMUNICATO In via Nicotera ieri l’asfalto ha ceduto provocando una buca di 40 centimetri. Le voragini, buche profonde nel sottosuolo, non sono da confondersi con la rottura del manto stradale causata “dall’usura che si associa anche ai danni causati giorno dopo giorno dalle intemperie”. Quella di Via Nicotera non è neppure da ricondursi “ad un

Share



Inquinamento atmosferivo: il Sindaco Variati immobile

17/12/2016 COMUNICATO STAMPA “Aria pessima, tutti pronti alle misure straordinarie”. Anche quest’anno si ripete il solito copione e puntualmente la giunta Variati non si smentisce. Infatti si corre ai ripari con le misure di emergenza, come di consueto, e la soluzione, oltre al “tradizionale”blocco delle auto, è quella di tenere chiuse le porte dei negozi.

Share



I sondaggi gonfiati sulla TAV – TAC

COMUNICATO STAMPA Il Sindaco ha  dichiarato in questi giorni che “una larga maggioranza della popolazione ha dato un giudizio positivo dell’opera” e ancora “la stragrande maggioranza dei cittadini si è detta d’ accordo in modo inequivocabile con il parere espresso dalla giunta in favore del mantenimento  della stazione in Viale Roma….” Inoltre il Sindaco si

Share



11.000 euro di denaro pubblico per crearsi un alibi, una giustificazione

COMUNICATO STAMPA 11.000 euro di denaro pubblico  per crearsi un alibi, una giustificazione.   E ancora prima altri soldi pubblici  per il questionario Delphy sempre con lo stesso scopo.   Ma non ci sono né alibi né giustificazioni che tengano.   Con queste pseudo consultazioni/sondaggi l’amministrazione non sta  realmente chiedendo il parere dei  cittadini, sta

Share



TAV: la parola sul proprio territorio spetta ai vicentini

Dopo il questionario Delphy, (qualcuno lo ha chiamato la “patacca del coinvolgimento dei cittadini”) fatto ad hoc per rafforzare il consenso su decisioni predeterminate, con “osservatori privilegiati” per la sua compilazione, si passa agli effetti speciali: una “consultazione popolare”, immaginata e partorita con la modica spesa di 11.000 euro di denaro pubblico. Questionario, interrogazione ai

Share