Category: urbanistica

Via Nicotera, cede l’asfalto per mancanza di manutenzione?

COMUNICATO In via Nicotera ieri l’asfalto ha ceduto provocando una buca di 40 centimetri. Le voragini, buche profonde nel sottosuolo, non sono da confondersi con la rottura del manto stradale causata “dall’usura che si associa anche ai danni causati giorno dopo giorno dalle intemperie”. Quella di Via Nicotera non è neppure da ricondursi “ad un

Share



Vendita e trasformazione dei palazzi pubblici con InvestiRe SGR. Perchè?

COMUNICATO In gennaio 2017 il Sindaco dichiarava: “ InvestiRe SGR ha ottenuto dalla Giunta il via libera affinché proponga a sue spese uno studio di fattibilità ….” Poi più nulla, nonostante le richieste di chiarimenti. Ora (GdV 10.06.2017) ”Variati accelera presto in giunta la maxi operazione …vendita e trasformazione dei palazzi pubblici” e l’assessore Cavalieri

Share



Sicurezza: al via l’anagrafe di ponti, cavalcavia e scuole

COMUNICATO STAMPA “Vicenza: al via l’anagrafe di ponti, cavalcavia e scuole per tenere sotto controllo lo stato di infrastrutture ed edifici” era una notizia di alcuni giorni fa. A questa notizia viene spontaneo chiedersi: –          Avere un’anagrafe dello stato degli edifici pubblici e delle strutture pubbliche  non dovrebbe essere una normalità ? –          Non dovrebbe

Share



Acque Vicentine: per fare i lavori c’è più tempo che vita

COMUNICATO STAMPA Alcuni giorni fa si leggeva sulla stampa locale di un episodio che ha coinvolto una cinquantina di famiglie a Pianezze e dintorni dove dai rubinetti è uscita acqua sporca. Il fenomeno è risultato essere  legato a dei recenti lavori eseguiti in zona e  ad un accumulo di ruggine depositata in una condotta. Innanzitutto

Share



Inquinamento atmosferivo: il Sindaco Variati immobile

17/12/2016 COMUNICATO STAMPA “Aria pessima, tutti pronti alle misure straordinarie”. Anche quest’anno si ripete il solito copione e puntualmente la giunta Variati non si smentisce. Infatti si corre ai ripari con le misure di emergenza, come di consueto, e la soluzione, oltre al “tradizionale”blocco delle auto, è quella di tenere chiuse le porte dei negozi.

Share