COMUNICATO DEL MOVIMENTO 5 STELLE VICENZA SULLA CERTIFICAZIONE ELETTORALE

La Equizi oggi si è ricandidata “grillina ad honorem” davanti alla stampa, la stessa formula che lo scorso maggio le è già costata la diffida da parte di Beppe Grillo in persona.

I fatti recenti: venerdì 28 dicembre, alcuni iscritti del Movimento 5 Stelle di Vicenza, che fa riferimento al sito www.movimento5stelle-vicenza.it , hanno ricevuto dallo staff del blog Beppegrillo.it la conferma della certificazione della lista civica, con l’autorizzazione all’utilizzo del logo per la presentazione della lista.
Per errore, la signora Equizi è stata inserita tra i destinatari di questa mail.

Trascorso il weekend, lo staff si è accorto che la signora Equizi era già diffidata e ha quindi inviato la seguente mail per una conferma da parte nostra.

La Equizi era tra i destinatari anche di questa seconda mail, perciò è ben consapevole di non essere mai stata certificata, se non per 48 ore, e solo a causa di una “svista” dei ragazzi di Milano.
Ha fatto seguito l’immediata conferma da parte nostra che la richiesta di certificazione della signora Equizi (sempre in copia conoscenza) non poteva venire da noi, non avendola in assoluto mai vista ad alcuna delle nostre attività, e che semplicemente non avrebbe dovuto ricevere la prima mail.
(NB: nonostante la diffida, in questi sei mesi la signora Equizi ha mantenuto nel suo personale Meetup la dicitura “Movimento 5 Stelle Vicenza e Area Berica” con elementi distorti del logo ufficiale.)

Tutto il resto è puro delirio, falsità ricamate al solo scopo di ottenere un briciolo di visibilità e diffamare il Movimento 5 Stelle in un’evidente “vendetta” personale.
Prima la Equizi si scaglia contro gli attivisti di Vicenza, poi ringrazia Grillo per la fiducia, poi schernisce il Movimento a livello nazionale, poi si dice orgogliosa di farne parte, poi inventa fumosi complotti, in ultimo prende definitivamente le distanze dal M5S e Grillo.

Una confusione di idee che si commenta da sé. Ci preme tuttavia rispondere ad alcune delle insinuazioni fatte durante la conferenza, per chiarezza nei confronti dei nostri simpatizzanti ed elettori: anzitutto, nessun appartenente ad altre forze politiche ha mai frequentato il nostro gruppo. In secondo luogo, la persona citata, parente del nostro portavoce, impiegato del Comune in pensione dal 2010 e non funzionario o dirigente come specificato dalla Equizi, non ha mai potuto, per il ruolo ricoperto, prendere decisioni in materia urbanistica. Inoltre, a conferma della nostra attività di contrasto alla cementificazione selvaggia dell’attuale amministrazione (“cemento zero” è il primo punto del nostro programma sull’urbanistica), il M5S di Vicenza ha presentato ben 35 osservazioni al Piano degli Interventi del Comune.

Che dire infine dell’ “atteggiamento mafioso” che ci è stato addebitato per aver presenziato a questa conferenza, tenuta in luogo pubblico? Essere presenti ad ascoltare le menzogne espresse è stata l’occasione, come da stile del M5S, per documentare e rispondere in tempo reale e con totale trasparenza alle affermazioni tendenziose della Equizi e alle legittime domande della stampa.

Movimento 5 Stelle Vicenza

Print Friendly
Share