Convenzione per la valorizzazione del patrimonio artistico vicentino

Teatro OlimpicoVicenza é la nostra piccola grande città. Un piccolo centro storico dai grandi gioielli architettonici e artistici: la Basilica Palladiana, Il teatro Olimpico, La Basilica della Madonna di Monte Berico, la chiesa di Santa Corona e molti altre ancora. Vedere Vicenza attraversata da numerosi turisti non può che farci piacere e inorgoglirci. E per darci questa soddisfazione, Il nostro Comune ha stipulato una convenzione, in sintesi, volta alla promozione e valorizzazione del patrimonio cittadino. Tuttavia, vogliamo valutare se questo investimento è stato ben fatto. Di seguito l’interrogazione presentata a tal fine.

 

 

Al Sig. Sindaco

All’Assessore competente

Al Sig. Presidente del Consiglio Comunale

INTERROGAZIONE

VISTA la convenzione quadro tra Comune di Vicenza e l’Università degli Studi di Bergamo per attività di ricerca e valorizzazione del patrimonio artistico civico, deliberata dal Consiglio Comunale in data 29/10/2013 che all’art. 2 prevedeva un successivo accordo di collaborazione scientifica e stabiliva un onere di massimo 40.000 euro (Iva compresa) per ciascuna annualità, ed una durata di 5 anni(art. 4);

VISTA la determina 929 del 20/12/2013, avente per oggetto : SETTORE MUSEI – APPROVAZIONE CONVENZIONE SCIENTIFICA TRA L’UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO E IL COMUNE DI VICENZA PER ATTIVITÀ DI RICERCA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO CIVICO E IMPEGNO DI SPESA;

VISTE le notizie apparse su La Nuova Vicenza in aprile 2014 : Musei civici senza guida: l’esperto Villa in forse …….la convenzione con l’Universita’ di Bergamo è stata firmata (e in parte già pagata dal Comune di Vicenza) ma ancora il professor Giovanni Carlo Federico Villa,……..non ha iniziato il suo lavoro…….le voci che circolano attorno a palazzo Chiericati dicono che fra Villa e Comune non sarebbe stata trovata la quadra per far ripartire la macchina museale….

la sottoscritta Liliana Zaltron , nella qualità di consigliere comunale, chiede:

  • Se le notizie apparse in Aprile e citate in premessa corrispondono a verità e, in caso affermativo, di essere relazionata in merito;

Nel caso invece la convenzione fosse operativa, si chiede:

  • di prendere visione del cronoprogramma delle attività per l’anno 2014 che deve essere stato consegnato entro Gennaio 2014 (come previsto dall’art.3 della Convenzione di collaborazione scientifica);
  • di prendere visione del report semestrale che deve essere stato fornito entro il 30 giugno 2014 (art.3 della Convenzione);
  • chiedo inoltre mi venga fornito-dopo il 31/12/2014- il report annuale 2014 sull’attività svolta che, sempre come previsto dall’art.3 della Convenzione- verrà presentato il 31 dicembre 2014;
  • di essere messa a conoscenza di eventuali collaborazioni esterne all’ Università (come previsto art.6 – personale estraneo all’Università);
  • il registro delle presenze del responsabile scientifico (art.4 – durata e luogo di esecuzione – La presenza in loco del responsabile scientifico dovrà essere garantita per almeno 2 giornate alla settimana e per almeno 6 ore);
  • di essere messa a conoscenza di quanto, fino ad oggi, è stato erogato. L’ art.5 della convenzione -Condizioni economiche e modalità di pagamento -prevede annualmente :

prima rata per € 10.000 Iva compresa entro il mese di Marzo;

seconda rata per € 15.000 Iva compresa entro il mese di Luglio;

terza rata di € 15.000 Iva compresa al termine dell’ attività annuale.

Si richiede anche risposta scritta.

Vicenza, 27/11/2014

Liliana Zaltron

MoVimento 5 Stelle

Print Friendly
Share