Dipendenti del Comune: il Sindaco chiarisca come intende recuperare le somme erogate

Comune di VicenzaIl Movimento 5 Stelle di Vicenza ha seguito la vicenda della messa in mora dei dipendenti comunali, a seguito delle contestazione degli ispettori del MEF, fin dall’inizio, sostenendo le istanze dei lavoratori attraverso l’operato della capogruppo consiliare Liliana Zaltron, la quale, in sedi diverse, ha sostenuto la necessità di una risoluzione che non gravasse sul reddito delle persone interessate. Le recenti dichiarazioni del sindaco Variati, a mezzo stampa, sostengono che il previsto recupero delle somme contestate non graverà sui lavoratori, a seguito dell’approvazione della legge 2 maggio 2014 n.68. Alle parole chiediamo la conseguente formalizzazione della revoca della messa in mora precedentemente inviata . Inoltre la norma prevede l’obbligo, per le regioni e gli enti locali, di recuperare totalmente le somme indebitamente erogate, con possibili diverse modalità di reintegro delle stesse.

Per questo motivo, nonché per assicurare la trasparenza e la chiarezza dovuta, la consigliera Liliana Zaltron ha presentato al Sindaco un’interrogazione, chiedendo che l’amministrazione precisi le modalità e i tempi per il reintegro delle somme contestate e la revoca formale della messa in mora.

Movimento 5 Stelle – Vicenza

Di seguito l’interrogazione inviata al Comune:

 

Al Sig. Sindaco di Vicenza

Agli Assessori competenti

Al Sig. Presidente del Consiglio Comunale

 

Oggetto: richiesta precisazioni sulla revoca della messa in mora dei dipendenti comunali e sulle modalità di recupero delle somme erogate.

 

PREMESSO l’inoltro delle lettere di messa in mora inviate dal Comune ai dipendenti per il recupero delle somme non spettanti;

 

CONSIDERATA la dichiarazione del Sindaco Variati, riportata dal quotidiano Nuova Vicenza il 1 maggio 2014, riguardante le somme erogate ai dipendenti comunali e contestate dagli ispettori del MEF che sostiene: “Con la conversione del decreto in legge i dipendenti del Comune non dovranno restituire nulla di ciò che hanno percepito per il loro lavoro al servizio dei cittadini.”;

 

CONOSCIUTO quanto disposto dall’art.4 della Legge 2 maggio 2014 n.68 che ribadisce l’obbligatorietà, per le regioni e gli enti locali che non hanno rispettato i vincoli finanziari posti alla contrattazione collettiva integrativa, a recuperare integralmente le somme indebitamente erogate;

 

la sottoscritta Liliana Zaltron, in qualità di consigliere comunale, chiede:

 

  • l’intenzione dell’amministrazione di comunicare formalmente ai dipendenti la revoca della messa in mora;
  • di comunicare l’entità esatta delle somme contestate, che dovranno obbligatoriamente essere reintegrate;
  • di specificare i modi e i tempi con cui l’amministrazione intende procedere per il recupero di tali somme.

Vicenza, 14 maggio 2014

Liliana Zaltron

Movimento 5 Stelle Vicenza

Print Friendly
Share