Esposto del M5S: la reticenza del Comune di Vicenza impedisce un adeguato controllo

tuelIl parere dell’Organo di Revisione sulla proposta di bilancio di previsione 2016/2018 riporta:

“…Questo collegio in data 13 novembre 2015 ha richiesto all’Avvocatura comunale una relazione sulle vertenze legali, non ricevendo, a tutt’oggi, alcuna risposta esauriente. Si invita, pertanto, l’amministrazione a risolvere tale situazione al fine di prevenire i rischi futuri sugli equilibri di bilancio”

Prevedere un fondo adeguato nel Bilancio del Comune per poter pagare le cause dove il Comune stesso possa, nel futuro, essere condannato, è raccomandato dalle regole contabili, è un atteggiamento prudente, non scarica sul futuro condanne il cui importo ingente potrebbe far tagliare servizi o far aumentare le tasse.

L’ argomento,  deve essere trasparente per i consiglieri del Comune, anche in base a quello che è sempre stato lo slogan di questa amministrazione: “Comune casa di vetro”.

La richiesta avanzata dal   Movimento 5 Stelle di approfondire l’argomento e di accedere alla documentazione  completa  si è scontrata con una  iniziale difficoltà a convocare la commissione che doveva affrontare il problema ed un mancato accoglimento della prima richiesta di accesso agli atti.

Dopo reiterate richieste, dopo commissioni consiliari sul tema specifico chieste con insistenza, l’ elenco delle vertenze legali  è stato consegnato.

Una lista però, che  è risultata essere incompleta.  Una causa  ancora pendente  del valore probabile  di alcuni milioni di euro non era presente nell’elenco consegnato dall’amministrazione.

L’art. 43 co. 2 TUEL prevede che “I Consiglieri comunali e provinciali hanno diritto di ottenere dagli uffici, rispettivamente, del Comune e della Provincia, nonché dalle loro aziende ed enti dipendenti, tutte le notizie e le informazioni in loro possesso, utili all’espletamento del proprio mandato. ..”.

Tale norma quindi non prevede  limiti a tale diritto, e a fronte della richiesta reiterata  di ricevere una relazione completa e dettagliata delle vertenze legali del Comune, sarebbe dovuto arrivare quanto richiesto. E invece così non è stato.

Questo ci ha portato alla decisione di presentare un esposto alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vicenza.

Riteniamo grave che l’attività di controllo in capo all’opposizione sia stata resa così difficile e parziale

–          con la trasmissione di una lista, inizialmente negata e ottenuta solo dopo notevoli  insistenze;

–          con la trasmissione di una lista di cause “ritenute di particolare rilievo ai fini del bilancio comunale” quando la richiesta riguardava tutte le cause e limitando quindi il diritto ad avere tutte le informazioni utili all’espletamento del mandato del consigliere;

–          con una lista mancante di una causa significativa di alcuni  milioni di euro, pertanto di rilievo ai fini del bilancio.

A chiunque, inoltre, a questo punto, potrebbe sorgere spontanea la domanda : “…e se non fosse l’unica a mancare?”

Liliana Zaltron

Movimento 5 Stelle Vicenza

Print Friendly
Share