“Franza” o Spagna purchè se magna

Apprendiamo da Nuova Vicenza che l’ex berlusconiano di ferro Maurizio Franzina, per gli amici Franza, è il nuovo “responsabile tecnico” della campagna elettoriale del suo ex avversario Variati. Franzina, forzista duro e puro fino allo scandalo escort del 2011, ora cura l’immagine del sindaco finto democratico. Ritratto perfetto del teatrino politico e dei giochi partitici che tengono in scacco il nostro Paese e Vicenza da anni, con al potere sempre gli stessi personaggi, finti nemici, riciclati in eterno.
Il travestimento di Franzina da “civico” nell’ultimo anno è stato un tentativo di trasformismo andato male. O almeno in parte, perché è comunque servito da manovra di avvicinamento a Variati, che ora l’ha tirato a bordo.
Non in lista, perché avrebbe scatenato la reazione indignata e furibonda della base e dei vertici, come ai tempi di Cicero. Meglio una bella nomina nel sottobosco dell’amministrazione, garantita, dopo questa parentesi elettorale come sottoposto del prode Bulgarini (probabile futuro “esodato”).
Che dire infine di Variati, renziano pentito, che sceglie di affidarsi a un vecchio politico di destra per curare la propria campagna elettorale? Si spacciava per rottamatore, invece ricicla gli scarti dell’opposizione? Nel 2008 il suo slogan elettorale era “Ritorna il futuro”. In realtà, viviamo in un eterno passato, dove cambiano le casacche, ma tutto resta immobile e dove “nuovo”, “democrazia” e “futuro” sono solo parole da propaganda. Siamo curiosi di vedere quali nuove promesse da disattendere saranno in grado di inventarsi questa volta.

Movimento 5 Stelle Vicenza

Print Friendly
Share