I sottopassi fuori norma di Borgo Casale

Da anni i cittadini di Casale chiedono* un intervento di messa a norma dei due sottopassi ciclopedonali che collegano via Zanecchin a viale Trissino, ma in Comune la questione pare non interessare.
Non solo queste opere di alta ingegneria quando piove si allagano nel giro di un paio d’ore, ma per percorrerle ci vuole pure un bel coraggio! Infatti, lo scivolo per bici, passeggini e sedie a rotelle ha una pendenza del 45% (mentre per legge non dovrebbe essere superiore all’ 8%!) e con una la via di fuga in fondo di appena due metri.
Se si viaggia in bicicletta, ovviamente, non resta che smontare e accompagnarla a mano in discesa, per poi affrontare una salita altrettanto ripida.
Superato finalmente il primo sottopasso (quello della linea ferroviaria per Treviso e Schio) ci si trova immediatamente davanti a quello della linea Milano-Venezia, ovviamente con le stesse identiche caratteristiche.
Un vero percorso a ostacoli che i residenti di Casale devono purtroppo affrontare ogni giorno.

 

Il pensiero va soprattutto alle persone anziane, alle mamme con passeggini, ai disabili…
Tutti loro restano tagliati fuori, letteralmente isolati dalla città, dato che questi sottopassi sono l’unica via di collegamento tra il quartiere e il centro di Vicenza.
E’ inutile chiedersi chi a suo tempo abbia dato l’agibilità a questi sottopassi, ciò che è grave è che nessuno intervenga per sanare il passaggio, ignorando le segnalazioni dei cittadini.

*(Il Giornale di Vicenza, 27/06/2010)

Riccardo Allione – MoVimento 5 Stelle Vicenza
Segnalazione di Francesco M.

Print Friendly
Share