Il Consiglio Provinciale ha approvato le osservazioni alla Pedemontana Veneta

Con 22 voti favorevoli su 26 presenti il Consiglio Provinciale di Vicenza ha approvato questa mattina le osservazioni al progetto definitivo della Supersatrada Pedemontana Veneta, tra le quali, in particolare, le richieste di opere di compensazione per l’impatto che l’arteria avrà sul vicentino.

Un argomento per affrontare il quale sono state necessarie quattro sedute di Consiglio, e che si è concluso con l’appello del Presidente Attilio Schneck, il quale ha sottolineato l’improcrastinabile realizzazione di quest’opera in un territorio in cui la carenza di infrastrutture sta influendo in maniera negativa sulla ripresa economica.

Un riconoscimento formale a un lavoro che la Giunta, e in particolare gli Assessori alla Viabilità Giovanni Forte e il suo predecessore Costantino Toniolo, hanno portato avanti in sinergia con i Comuni vicentini e in costante contatto con la Regione Veneto e con il commissario straordinario della Pedemontana Veneta Silvano Vernizzi, “con l’obiettivo -spiega Forte- di tutelare al massimo il territorio, visto che la Pedemontana attraversa zone ad alto pregio ambientale e paesaggistico situate nell’ovest e nell’alto vicentino”.

La Pedemontana collega i territori di Vicenza e Treviso, con un tracciato lungo poco meno di 95 km che ricade per il 60% nella provincia di Vicenza e per il rimanente nel trevigiano. Nel vicentino sono coinvolti 22 Comuni, ed è con loro che la Provincia si è nell’ultimo anno incontrata e confrontata a più riprese.
Il risultato sono una serie di osservazioni, per la maggior parte già approvate dalla Giunta Provinciale e consegnate lo scorso marzo in occasione di apposita conferenza dei servizi.
In particolare, si chiedevano tre interventi:

  • realizzare un nuovo asse viario di collegamento del casello previsto in comune di Cornedo con la cosiddetta variante di Cornedo alla SP 246
  • realizzare la variante alla SP 46 nei comuni di Malo ed Isola Vicentina, sino al suo ricongiungimento a sud con l’attuale tracciato, così come ipotizzata in apposito elaborato planimetrico già trasmesso alla Regione Veneto
  • assicurare la continuità di tutta la SP Nuova Gasparona in complanarità alla nuova superstrada e di consentire il transito in esenzione di pedaggio tra i caselli di Bassano Est e Mussolente/Loria o, in alternativa, di prevedere un nuovo asse viario idoneo a collegare la SS 47 a nord di Rosà con il nuovo asse viario previsto in variante alla SS245;

Alle osservazioni della Giunta il Consiglio ne ha aggiunte altre, in particolare:

  • che le Commissioni provinciali espropri delle Province di Vicenza e Treviso armonizzino i propri parametri di valutazione per assicurare uniformità di trattamento ai cittadini. Osservazione che ha già avuto esito positivo tanto che lo scorso mercoledì 23 giugno le due commissioni si sono riunite a Vicenza
  • che la Pedemontana Veneta venga realizzata interamente in trincea o tunnel sotterraneo anche per i tratti in rilevato previsti nei Comuni di Montecchio Maggiore e Trissino, per il tratto tra Malo e Villaverla e per quello tra Breganze e Marostica;
  • che le acque di dilavamento convogliate dalle superfici della piattaforma stradale della nuova superstrada e della strada provinciale Nuova Gasparona, nonché di tutti gli assi viarii di nuova realizzazione o soggetti a modifiche di tracciato, siano convogliate in corpi idrici superficiali e non nel sottosuolo;
  • che per il tratto compreso tra i caselli di Breganze e di Bassano est sia previsto un unico asse viario, a percorrenza libera a tempo indeterminato per i transiti che si svolgono tra tali caselli ed al suo interno, aumentando eventualmente il numero di corsie per carreggiata in funzione dei flussi di traffico previsti e garantendo comunque idonea viabilità locale a servizio delle attività agricole e insediative esistenti.

Le richieste del Consiglio saranno ora spedite alla Regione Veneto e al Commissario Vernizzi, il quale ultimo già nei giorni scorsi ha incontrato la Provincia e i Sindaci dei Comuni interessati al tracciato e ha dato rassicurazioni in merito all’accoglimento di gran parte delle osservazioni presentate.
Il succesivo passaggio sarà l’approvazione del progetto definitivo da parte del Commissario Vernizzi, con conseguente avvio dell’acquisizione delle aree.

Nell’attesa, le Commissioni Consiliari Provinciali congiunte Viabilità e Territorio, presiedute rispettivamente da Maurizio Colman e Massimo Confente, incontreranno nei prossimi giorni i tecnici dell’Autostrada Serenissima e della Regione Veneto per affrontare il nodo viario compreso tra l’attuale e il nuovo casello autostradale di Montecchio Maggiore, in cui si inseriscono la Pedemontana e il traffico legato al centro intermodale di Montebello. In particolare, per volontà del consigliere Udc Mario Dal Monte, si parlerà della tempistica della realizzazione del nuovo casello e della bretella di collegamento con la strada provinciale del Melaro.

http://www.provincia.vicenza.it/notizie/agenda.php/16284

Print Friendly
Share