Inchiesta per la lottizzazione abusiva del lotto “E” di Borgo Berga: zitti e mosca!

18/12/2016

COMUNICATO STAMPA

Stiamo assistendo in questi giorni all’ ennesimo “teatrino” del Sindaco di Vicenza, che dichiara di venire  a sapere, suo malgrado, solo dalla stampa, le mosse giudiziarie del suo fidato dg, arch. Bortoli.

Dagli interrogatori in Procura, dalle scene mute  dei tre professionisti – l’arch. Bressanello, l’arch. Zanella e l’arch. Bortoli –  non emerge alcuna dimostrazione di dovere civico nei confronti della comunità che li ha accolti e ben stipendiati per anni.

I tre si sono avvalsi della facoltà di non rispondere,  linea  difensiva del tutto lecita – come definita dal procuratore capo- ma dalla quale  emerge un mancato  rispetto per la comunità vicentina: ricordiamo loro che essendo professionisti esiste anche un codice etico al quale devono sottostare.

Non sono stati interrogati sulla loro vita privata ma su atti d’ufficio, per cui la loro azione dovrebbe essere di assoluta collaborazione con l’autorità giudiziaria, al fine di pervenire alla verità in riferimento ai capi d’accusa loro ascritti.

La sincerità e la trasparenza di deposizione sono atti dovuti.

Ribadiamo, come appaia chiaro ed evidente, il fatto che, con questa loro presa di posizione hanno dimostrato di essere avulsi dalla macchina comunale, di essere interessati solo a difendere sé stessi: il resto evidentemente non conta.

Sig. Sindaco ci pare chiara ad oggi la  “culpa in eligendo”, avendo sbagliato a scegliere un professionista, l’arch. Bortoli, al quale sembra non interessi appurare la verità in relazione a vicende urbanistiche del Comune del quale è tuttora dirigente bensì a tenere per sé chissà quali segreti evidentemente importanti.  La strada difensiva che ha intrapreso l’arch. Bortoli è finalizzata unicamente alla sua difesa personale, per cui sarebbe il caso che l’ architetto  rassegnasse  al più presto le dimissioni.

Pare chiara Sindaco  anche la sua  “culpa in vigilando”, vista la  mancata conoscenza sul comportamento giudiziario del suo fidato direttore: cerchi di non continuare in questo errore visto la carica che ricopre.

Liliana Zaltron

Movimento 5 Stelle- Vicenza

Print Friendly
Share