Incoerenza Bulgarini: tutela e valorizzazione del territorio e TAV

COMUNICATO STAMPA

Prima “criminali”  poi “talebani” poi ritiene che la voce di queste associazioni possa essere utile per il futuro.

 

Tutto questo dal vicesindaco Bulgarini nei confronti delle associazioni  che da anni si stanno battendo  per la salvaguardia del nostro territorio.

 

Innanzitutto riteniamo sia necessario e doveroso da parte  del  vicesindaco scusarsi con le associazioni.

Poi una volta scusatosi, chiediamo quali siano le motivazioni per le quali ha cambiato, in così poco tempo,  la sua opinione.

Forse il vicesindaco  non ha le idee chiare?

O forse sente l’avvicinarsi della fine del mandato e cambia i toni per avere più chances per il futuro?

 

Crede che la gente abbia la memoria corta e non ricordi l’atteggiamento di chiusura al confronto che lui, il sindaco  e i colleghi di giunta e la maggioranza in generale  hanno tenuto in questi anni ?

Crede  bastino poche parole, qualche frase di circostanza un “mea culpa” perché  tutti siano contenti ?

 

“E’ mancato un lavoro di tutela e valorizzazione complessiva del patrimonio…ma adesso si cambia registro” ha dichiarato Bulgarini nel corso della commissione  consiliare convocata per approfondire i temi del Piano di Gestione Unesco e della Valutazione di impatto sul Patrimonio.

 

Non c’è alcun dubbio sul fatto  che sia mancata la capacità da parte di questa e delle precedenti amministrazioni di tutelare e valorizzare l’ Eccezionale Valore Universale –La città di Vicenza e le Ville Palladiane-.

Molto meno sicura è la capacità da parte di questa amministrazione di cambiare registro.

 

E’ chiaramente mancata la consapevolezza di dover tutelare e valorizzare il “Patrimonio Mondiale”  e i danni sono inestimabili.

 

Il vicesindaco dice che è arrivato il momento di cambiare registro?

Lo invitiamo allora  a sollecitare il sindaco ad andare immediatamente  a Roma per chiedere che venga bloccato  l’iter avviato relativo  al secondo lotto funzionale della linea AV/AC Verona-Padova  “Attraversamento della città di Vicenza”.

 

Ricordiamo al sindaco, al vicesindaco, alla giunta e alla maggioranza  che la valutazione e analisi dell’impatto sull’OUV  del Sito Patrimonio Mondiale,  in relazione all’AV/AC, oscilla tra il Negativo Moderato e Negativo Forte. Inoltre la suddetta valutazione non considera l’impatto delle opere ferroviarie in quanto “il tracciato della linea Alta Velocità non viene indicato graficamente nella Tavola 4”  del PAT “per cui viene rimandata la valutazione quando il piano lo andrà a definire” (pag 131 HIA).

 

Si dice di voler cambiare registro?

 

Si passi  dalle parole ai fatti !!!

 

Attendiamo di sapere quando il sindaco incontrerà il ministro per  richiedere lo stop alla progettazione del  lotto AV/AC  “Attraversamento della città di Vicenza” .

 

Liliana Zaltron

Movimento 5 Stelle – Vicenza

Print Friendly
Share