La «rivoluzione verde» di Treviso è firmata Amici di Grillo.

Un altro passo avanti verso il completamento del programma a 5 stelle di Treviso è stato fatto.
Queste le nostre  proposte condivise da tutti i consiglieri comunali del nostro Comune:
1)   Stanziare dei fondi, nei bilanci preventivi degli anni a venire, destinati:

a)    All’acquisto di strumentazione atta alla rilevazione dei consumi energetici degli immobili di proprietà comunale.
b)    Alla creazione di una banca dati inerenti i consumi energetici degli immobili comunali e i difetti costruttivi che li producono.
c)     Alla formazione tecnica del proprio personale sul risparmio energetico e la realizzazione di impianti a energia rinnovabile.
d)   Al risanamento progressivo degli immobili di proprietà comunali attraverso un’azione virtuosa volta al miglioramento dei consumi energetici.
e)    Alla realizzazione di un piano energetico comunale.
f)     Alla futura realizzazione di uno sportello di consulenza al pubblico inerente le tematiche del risparmio energetico, della bioedilizia e degli impianti ad energia rinnovabile.

2)  Valutare la realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica rinnovabile finalizzati alla vendita dell’energia prodotta
3)   Ove possibile,  inserire nei piani di ristrutturazione e manutenzione straordinaria degli immobili di proprietà comunale interventi atti al miglioramento degli standard energetici quali ad esempio la sostituzione degli infissi e dei serramenti, l’isolamento delle pareti e del tetto o l’installazione di impianti di ricambio d’aria con il recupero del calore.
4)   A dare precedenza nella realizzazione degli impianti ad energia rinnovabile a quegli impianti che presentino il maggior divario tra minor costi di realizzazione e maggior energia prodotta.
5)    Ad avvalersi, se ritenuto utile, anche di fondi non propri per la realizzazione dei progetti succitati, utilizzando ad esempio società E.S.C.O o sponsor privati.

Una vera e propria “rivoluzione verde” in linea con una delle cinque stelle del Programma “virtuoso” delle liste civiche grilline.
Si prevede la costruzione di centraline idroelettriche su chiuse e strozzature di canali e pannelli fotovoltaici su tetti di edifici pubblici. Il progetto vale oltre tre milioni di euro ma i vantaggi ricavabili dalla realizzazione di simili impianti, alla lunga, compensano totalmente gli investimenti fatti per realizzarli (coperti in nove anni) e possono perfino produrre utili.

La svolta eco-sostenibile proposta dal consigliere David Borrelli è stata fin da subito capita ed accettata da tecnici ed assessori che nel corso dell’ultimo anno hanno accelerato rilievi e studi di fattibilità. Il piano operativo prevede l’installazione degli impianti per sfruttare l’energia solare sugli edifici pubblici «con scarsa valenza architettonica» e ampie superfici, e due centraline idroelettriche per sfruttare due «nodi» d’acqua persi.

In due anni di mandato il programma è stato realizzato per più di metà dei suoi punti e questo con un solo consigliere.
Gente comune collabora giornalmente e attivamente per trasmetterci problematiche,  idee e possibili soluzioni. La lista civica è dei cittadini e Borrelli è il nostro dipendente. Lo teniamo d’occhio e lui porta le nostre idee dove più conta.

Maurizio, Grillitreviso

VIDEO:  target=”_blank”>

GRILLITREVISO http://www.grillitreviso.it

Print Friendly
Share