Le domande a Variati su Aim

Vignetta di Davicde Ceccon

Per rispondere al sindaco Variati, che rimprovera noi di non dare risposte su Aim, forse è il caso di riepilogare i fatti con ordine: dopo la nostra conferenza stampa, Aim ci ha immediatamente querelati. Abbiamo pubblicato le dovute precisazioni, ponendo insieme diverse domande sulla gestione della municipalizzata, sulle quali si interroga tutta la cittadinanza.
Le risposte ancora non sono arrivate. Nel frattempo ci è stato fatto un invito irricevibile ad un incontro a porte chiuse e si è spostato il dibattito prima sulla gestione in-house, poi sull’invasione di campo al Menti. E intanto la domande restano senza risposta.
Noi queste risposte le pretendiamo, a nome dei cittadini e di tutti gli altri che le attendono da oltre una settimana: candidati sindaco, giornalisti, persino vostri compagni di partito.
Insomma, l’intera città è in attesa. Variati e Colla, da dipendenti pubblici, farebbero bene ad attivarsi rapidamente.

Per agevolare il lavoro, abbiamo deciso di raccogliere di seguito tutti i quesiti su Aim apparsi sui giornali negli ultimi giorni:

1 –  Le consulenze corrisposte nel periodo 2008-2011 per l’ammontare di euro 5.314.038 a chi sono state affidate e per quali motivi?
2 – I dirigenti dal 2008 al 2011 sono quasi raddoppiati: per quali mansioni sono stati assunti e quali i costi complessivi di questa assunzione?
3 – AIM ha in essere un contratto derivato, uno strumento finanziario complesso che sta generando flussi negativi a carico della collettività di cui chiediamo l’ammontare.  Chiediamo chi ha autorizzato l’acquisto, se e in che termini questo strumento è stato rinegoziato.
4 – 317 milioni di debito attuale con 40 milioni di incremento nel periodo 2008-2011: il debito è un dato certo mentre la liquidazione delle immobilizzazioni spesso presenta criticità ed è ipotetica. Chiediamo pertanto: quali e quante immobilizzazioni possono essere liquidate efficacemente per ripianare i debiti e con quali tempi? (Movimento 5 stelle Vicenza)

5 – AIM ha un piano industriale? Se sì, qual è? E’ stato discusso e presentato? (Giancarlo Corò, economista, docente a Cà Foscari)

6 – La scelta di Variati di procedere con l’In-house è forse stata motivata dalla volontà di accorpare Amcps, ma ha avuto la conseguenza di trasferire i costi di gestione contribuendo ad aumentare l’indebitamento complessivo della Holding. Aim ha oggi le risorse finanziarie per vincere almeno la gara che riguarda la distribuzione del gas in città? (Maurizio Sangineto, candidato sindaco)

7 – A cosa serve l’ufficio legale di Aim e i dirigenti assunti se poi si spendono milioni di euro presso studi e professionisti privati? In base a quali criteri si è aumentato questo numero, come sono selezionati questi dirigenti?
8 – Come mai si è mantenuto lo stesso direttore generale che diresse l’azienda con la precedente amministrazione comunale, nonostante la negativa gestione di cui parla il sindaco Variati?
9 – Come mai, se l’azienda è risanata, l’indebitamento aziendale non scende adeguatamente e gli oneri passivi sono sempre a livelli elevatissimi? (Sandro Guaiti, consigliere comunale “dissidente” del Pd)

10 – Che cosa pensate del fatto che dallo Stato e dalla Regione Veneto arrivino meno contributi per comuni e trasporto pubblico? Pensate che la enorme mole di danaro pubblico convogliata su opere come Tav o Pedemontana Veneta abbia cagionato una diminuzione dei trasferimenti al livello locale? Pensate che la cosa sia giusta?
11 – Come si difenderà l’azienda in futuro qualora venisse in contatto diretto con concorrenti che hanno la possibilità di accasarsi tributariamente in paradisi fiscali come le Isole Vergini Britanniche? (Marco Milioni, giornalista)

12 – Alla voce “spese amministrative” la nota Aim cita testualmente “provvigioni a venditori”: di che si tratta esattamente, in cosa consistono, quali venditori, per vendere che? Quali sono stati gli investimenti strategici, di sviluppo, del gruppo?
13 – A parte il consorzio sul gas con la veronese Agsm (2V Energy) e la newco sul fotovoltaico Aim Ecoenergy (società mista pubblico-privata), cosa ha fatto Aim in questi cinque anni per svilupparsi e non essere tagliata fuori dal mercato?
14 – Se non è derivato quello di Aim, cos’è? E visto che è a garanzia di tassi d’interesse, non è finanziario? Qual è la sua denominazione? Quando è stato firmato, e con chi? E quanto costa, visto che un contratto simile si paga? (Alessio Mannino, giornalista)

 

Movimento 5 Stelle Vicenza

Print Friendly
Share