M5S contro i poteri forti

Raccogliamo la domanda postaci da “La Nuova Vicenza” e rispondiamo in merito a come il Movimento 5 Stelle intende rapportarsi con i centri di potere ai quali finora è stato permesso di guidare l’amministrazione della nostra città.

Chiariamo fin dal principio, che il MoVimento 5 Stelle è intransigente sulla linea etica che lo contraddistingue e non ha nessuna intenzione di scendere a compromessi con chiunque rappresenti interessi che non siano diretti della cittadinanza tutta.

I cinque grossi centri di potere che dominano Vicenza possono essere rappresentati da un’unica parola: cemento. Vicenza sta soffocando sotto una colata grigia calata sopra le teste dei cittadini ignari. La grave mancanza di trasparenza da parte delle precedenti amministrazioni e dall’attuale spalleggia i meri interessi privati. Ne è prova anche oggi il finto progetto partecipativo “e tu cosa ci vedi?” inerente il quartiere S. Pio X promosso dall’attuale amministrazione.

Abusi edilizi e una visione di sviluppo sostenibile alquanto miope stanno condannando la nostra città ad un futuro invivibile.

Nella futura Vicenza a cinque stelle saranno i cittadini tramite referendum propositivi e propositivi/abrogativi a quorum zero,  a decidere il progetto di sviluppo per gli anni a venire.  E potranno farlo consapevolmente solo ripristinando la completa trasparenza della macchina amministrativa.

Non potranno più esistere poltrone di nomina politica nei direttivi delle società comunali, andranno sostituite da cittadini che sottoporranno il proprio curriculum e verranno scelti in base alle competenze e non più secondo chi rappresentano.

L’amministrazione comunale deve essere alle dipendenze della collettività dei cittadini e non degli interessi privati.

Trasparenza, legalità e vera partecipazione saranno le armi con cui il MoVimento 5 Stelle di Vicenza contrasterà i poco occulti poteri forti privati.

Print Friendly
Share