Matteo Quero: altra “culpa in eligendo” da parte del Sindaco Variati

COMUNICATO STAMPA

Ci risiamo. Altra “culpa in eligendo” da parte del Sindaco Variati.

Non bastava quella del dg Bortoli, ora c’è anche quella dell’amministratore unico di Amcps, Quero.

A questo punto possiamo dire – lo abbiamo sempre sostenuto ma ora sono i fatti che ci danno ragione – che ci preoccupano i criteri e le valutazioni che il sindaco ha fatto nel tempo per scegliere la sua squadra, gli uomini che amministrano la città e non solo.

Quali competenze aveva Matteo Quero per ricoprire la carica di amministratore unico di Amcps ?

Quali meriti? Quali conoscenze tecniche tali da poter essere ritenuto l’uomo giusto per quell’incarico?

Qualche mese fa il Sindaco si diceva “ stupito e contrariato” dalla scena muta del Direttore Generale del Comune, uomo scelto da lui, davanti al Procuratore quale indagato nell’inchiesta per la lottizzazione abusiva di Borgo Berga.

Oggi il sindaco si dice “deluso, amareggiato, arrabbiato, si sente tradito” in merito alla vicenda di Matteo Quero, uomo scelto da lui, quale amministratore unico di AMCPS, e arrestato in Germania dopo essere stato trovato in possesso di droga.

Ma Quero era già stato autore di una vicenda per la quale era stato denunciato nel 2008 e nonostante questo, nel 2013, essendo ”uomo di fiducia del Sindaco”, nuovamente scelto dallo stesso per questo nuovo incarico.

Sia nel caso di Bortoli che di Quero, si tratta di persone alle quali il Sindaco ha affidato incarichi importanti, ovverosia si tratta di persone a cui ha dato fiducia, come lui stesso ha dichiarato.

Alla luce dei fatti, sembra fiducia mal riposta, visto che in entrambi i casi il Sindaco ha dichiarato di aver appreso sia la“scena muta” nel primo caso, che l’arresto nel secondo, dalla stampa. Questo fatto denota che non esiste un rapporto biunivoco di “onestà intellettuale”.

Ma oltre alla fiducia non è importante che le persone messe nei posti chiave abbiano competenze specifiche nell’ambito in cui dovranno operare ?

O vale la regola che basta essere amici ?

E’ necessario e corretto che le persone scelte per svolgere certi incarichi abbiano le caratteristiche adatte per ricoprire il ruolo affidato loro. Diversamente saremo sempre in balia dell’incompetenza e del pressapochismo.

Siamo estremamente preoccupati delle scelte fatte negli anni dal Sindaco, scelte che reputiamo non sufficientemente valutate, per cui lo invitiamo ad ammettere le proprie colpe e responsabilmente farsi da parte.

Suggeriamo al Sindaco di farlo al più presto per il bene della città!

Liliana Zaltron

Movimento 5 Stelle – Vicenza

Print Friendly
Share