No all’inceneritore e/o termovalorizzatori. Perché?

Come promesso spiegherò brevemente perché l’Associazione “Vicenza a 5 Stelle” condanna gli inceneritori e i termovalorizzatori come forma di smaltimento dei rifiuti.

Molte persone e molti giornalisti servi del potere affermano inequivocabilmente che, in particolare il termovalorizzatore, é

Un impianto che produce energia rinnovabile bruciando i rifiuti e che rilascia nell’atmosfera aria più pulita di quella che preleva.

Niente di più falso.

Innanzitutto un termovalorizzatore non produce energia rinnovabile per definizione, in quanto i rifiuti non sono un bene che si autorigenera per natura, come l’acqua, il calore e la luce solare, il vento.

In secondo luogo, e qui veniamo al primo punto nodale, il processo di combustione del rifiuto genera sia emissioni gassose (in parte altamente inquinanti, come la diossina) sia residui materiali altamente tossici.

In terzo luogo, l’inceneritore e/o termovalorizzatore rappresenta una forma di smaltimento dei rifiuti assolutamente dispendiosa in opposizione ai criteri dell’economicità e del buon senso.

Esiste un metodo molto più intelligente, economico ed ecologico per smaltire i rifiuti; questo metodo ve lo anticipo con questo interessante link: http://www.centroriciclo.com/

Print Friendly
Share