Prosegue il bavaglio all'informazione

In questo paese cosiddetto “democratico” siamo assistendo a fatti che ricordano molto da vicino un regime sorto negli anni 20 del XX secolo.

Da un lato il regime di Telebavaglio con l’esclusione dei talk show dalle programmazioni Rai e la sconcertante epurazione  di giornalisti televisivi che non hanno firmato un documento falso e iniquo da parte del direttorissimo del Tg1 Augusto Minzolini:

Busi, che clima si respira oggi al Tg1? Crede sia casuale che dalla conduzione vengano cancellati i volti di coloro che non hanno firmato la lettera in favore del direttore?
“Credo non sia affatto casuale. Credo si tratti di una rappresaglia. Come dice Franco Siddi, segretario della Fnsi. Una rappresaglia che prima dei colleghi, volti storici e professionisti liberi di questo giornale, ha colpito Massimo De Strobel, caporedattore centrale, uomo chiave della storica macchina del Tgi. Anche lui non firmatario di quella lettera, guarda caso. Anche lui rimosso senza una alternativa professionale credibile. Il clima? Il clima in redazione è insostenibile, in 21 anni ho visto altri direttori riconducibili all’area culturale del centrodestra (Vespa, Rossella, Minun), nessuno aveva mai osato tanto. In quanto al “rinnovamento”, di cui parla il direttore Minzolini… di che stiamo parlando? Forse che alla Bbc, alla Cnn, nella tv pubblica francese, non conta la fidelizzazione del pubblico, rispetto ai volti storici? Nel senso di quelli che hanno fatto la storia del giornale e la sua credibilità. E poi che dire di De Strobel, che non va neppure in video”.

C’è chi dice che il tg1 è tg schierato. Cosa ne pensa?
“Mi chiedo come si possa dire il contrario. È sotto gli occhi di tutti, di milioni di spettatori. Sempre meno, tra l’altro. Abbiamo perso pubblico siamo attestati al 26 per cento di ascolto. Incontro continuamente gente che dice, “io non vi guardo più”. La gente più disparata. Difficile credere che non dipenda da due ordini di problemi: il primo, gli editoriali. Il direttore ha diritto a farli, ma non credo debba dimenticare che si tratta del primo giornale del servizio pubblico. Che non si era mai schierato a questi livelli sui temi cari al governo e alla presidenza del consiglio. Il secondo, è la rappresentazione del Paese. Al tg1 non si parla più della vita reale, dei problemi dei cittadini, di chi ha perso il lavoro, di chi non ce la fa, dei cassintegrati, dei precari della scuola”.

Intervista liberamente tratta da Repubblica.it

Dall’altro lato la volontà da parte del Governo Berlusconi di non pubblicare in alcun modo le intercettazioni da parte dei magistrati, in modo tale che “…non sarà più possibile raccontare le malefatte delle classi dirigenti di un Paese in cui la corruzione, secondo la Banca Mondiale e la Corte dei Conti, costa ai contribuenti più di 50 miliardi di euro l’anno.”

“Zitti tutti” nel Paese della corruzione record

Dunque ci siamo. Il grande bavaglio alla stampa è pronto. Tra due settimane, dopo le formalità di rito, il Senato licenzierà il disegno di legge Alfano sulle intercettazioni telefoniche. Da un giorno all’altro sui giornali, sulle tv e sul web, non sarà più possibile raccontare le malefatte delle classi dirigenti di un Paese in cui la corruzione, secondo la Banca Mondiale e la Corte dei Conti, costa ai contribuenti più di 50 miliardi di euro l’anno. Nel giugno scorso, forse per evitare che anche in Italia venisse creata la categoria dei desparecidos, la maggioranza ha modificato il testo originale e ha consentito che almeno il riassunto delle ordinanze di custodia cautelare e degli atti non più coperti da segreto possa essere dato alle stampe. In questo modo, per lo meno, si potrà scrivere che chi non c’è più non è vittima di un sequestro o di una lupara bianca, ma che è finito in galera perché accusato di qualche reato.

Ma se il cronista dovesse citare qualche frase tratta testualmente da quei documenti, o peggio ancora, le trascrizioni delle intercettazioni, sarà punito. E la punizione, durissima, scatterà persino se in pagina dovessero finire i semplici riassunti dei colloqui telefonici. Infatti di quello che gli indagati si dicono tra loro,Silvio Berlusconi e i suoi (ma una norma analoga era stata votata già dal centrosinistra nel 2007) non vogliono che si sappia nulla. La legge sul punto è categorica. Anche se le intercettazioni fossero riportate, come accade nel 90%, in ordinanze di custodia o di sequestro, il giornalista deve far finta che non esistano. Senza scomodare casi celebri come quello dei Furbetti del Quartierino - in cui gli italiani scoprirono che l’ex governatore di Bankitalia Antonio Fazio non era un arbitro imparziale proprio leggendo le intercettazioni – basta pensare che cosa accadrà nelle indagini per droga. Una microspia capta due mafiosi mentre trattano una partita di 100 chili di eroina. I due sono molto abili. La polizia non riesce a documentare lo scambio, ma li sente parlare delle consegne già effettuate e dei soldi da pagare. Scatta l’arresto. I giornali scrivono che sono finiti in prigione, che rispondono di traffico di stupefacenti, ma non possono dire quali prove l’accusa ritiene di avere.

Articolo liberamente tratto da Antefatto.ilcannocchiale.it

Il “Fatto Quotidiano” ha dichiarato apertamente che farà disubbidienza civile.

Noi nel nostro piccolo blog daremo voce a quelle centinaia di associazioni sparse per il territorio provinciale vicentino che promuovono la democrazia diretta e il rispetto per l’ambiente e per il cittadino dagli abusi del potere.

In queste elezioni regionali ci siamo affermati come 6a forza politica provinciale. L’obbiettivo che si é posto il Meetup 3 per crescere e radicarci nel territorio é quello di collaborare con altre realtà associative e fondare gruppi di discussione settimanali nelle principali città della provincia di Vicenza.

Solo se i cittadini comuni si riuniranno per condividere idee e lottare contro una classe dirigente paladina del potere fine a se stesso, potremmo sconfiggere il possente bavaglio che questi ultimi governi ci stanno imponendo.

N.B. Oggi 01/04/2010 a Vicenza alle ore 21,00 ci sarà un incontro tra tutti coloro che vorranno collaborare negli anni a venire con il MoVimento a 5 stelle del Veneto. Il luogo è:
Sala della bibloteca di Villa Tacchi in viale della Pace, 87 (vicino all’ingresso della Caserma Ederle)
Print Friendly
Share