A che punto siamo con lo sportello unico a Vicenza?

logo_comune_di_vicenzaINTERROGAZIONE

Premesso che

 

il Sindaco di Vicenza ha in più occasioni dichiarato di voler creare uno sportello unico e polifunzionale che raggruppi  tutti i  servizi di anagrafe, oltre che le pratiche SUAP e di edilizia privata sullo stile di quello che sta avvenendo da tempo al Comune di Parma;
questo servizio dovrebbe probabilmente vedere la luce nell’edificio di proprietà comunale di viale Torino ex sede della Direzione provinciale del Lavoro;
per organizzare tale sportello unico e polifunzionale la giunta ha ritenuto di rivolgersi ad un consulente esterno, pagandolo 32 mila euro IVA esclusa,

 

Considerata:

 

– la stasi organizzativa in cui versa il Comune di Vicenza e che ha caratterizzato gli otto anni di amministrazione Variati (2008-2016) e l’assenza di dialogo più volte denunciata dalla RSU e dalle Organizzazioni Sindacali del Comune di Vicenza;

 

Visto che:

 

-la dirigenza del Comune di Vicenza e, in particolare, il direttore generale dovrebbero per legge avere il compito di organizzare gli uffici secondo i dettami dell’organo politico;

 

Considerato che:

 

– fino ad oggi il Comune di Vicenza non è riuscito nemmeno a creare uno sportello unico e polifunzionale che tratti tutti insieme i servizi di anagrafe, stato civile ed elettorale

 

Tutto ciò premesso i sottoscritti consiglieri comunali chiedono al Sindaco e all’ Assessore competente:

 

se i locali dell’ex Direzione provinciale del Lavoro di Via Torino sono idonei e predisposti dal punto di vista della sicurezza degli impianti ad accogliere gli uffici comunali;
quale sarà la tempistica che la Giunta si è data per partire con questo nuovo servizio, posto che manca un anno e mezzo alla scadenza del mandato amministrativo;
se si intende portare avanti il progetto in stretta collaborazione con i dipendenti e i loro rappresentanti sindacali;
per quali motivazioni non è stata ritenuta idonea la dirigenza comunale ad organizzare tale nuovo servizio, posto che in più occasioni sono stati fatti sopralluoghi e visite a questo riguardo al Comune di Parma.

 

Si richiede anche risposta scritta.

 

Vicenza, 23/08/2016

 

 

Liliana Zaltron

 

Daniele Ferrarin

Print Friendly
Share