TAV-TAC: 6 miliardi di euro spesi male

referendum_TAVCon una lettera inoltrata ai consiglieri comunali i cittadini esprimono il forte dissenso in relazione all’attuale progetto ferroviario TAV/AC  per un opera che definiscono:

 

“6 MILIARDI DI EURO ASSOLUTAMENTE SPESI MALE”

 

Chiedono che quei soldi siano impiegati in  altro modo:

per la messa in sicurezza e tutela del territorio, per scuole più moderne e più sicure, per energie rinnovabili, per risarcire i danni dovuti ad eventi calamitosi (dove non ci sono mai soldi a sufficienza)….

Nella lettera si chiede ai consiglieri di esprimersi contro il progetto ferroviario presentato e di interpellare la cittadinanza per sapere se questo stravolgimento della nostra  città, la città del Palladio, è condiviso dai vicentini.

Si chiede che non venga scaricato sui cittadini l’onere dell ’organizzazione di un referendum, che in base ai tempi previsti dal regolamento porterebbe alla consultazione referendaria  a cantieri avviati.

 

Sarebbe una vera presa in giro per i cittadini !!!!

 

Vogliamo ricordare che la nostra portavoce Liliana Zaltron, non solo dice NO da sempre a questo progetto, ma sta anche  insistendo affinché siano ascoltati i cittadini.

In data 09/03 infatti ha presentato una mozione che se approvata potrà far si che venga indetto un referendum in concomitanza con le prossime elezioni regionali, così come previsto anche dal nuovo Statuto Comunale.

 

Quante cose  utili per questa città si possono fare con i soldi che si spendono per  questa  opera ?

 

Nella lettera i cittadini ribadiscono inoltre:

– la poca  informazione sull’opera;

– la tanta fretta e l’abile uso del periodo natalizio,  nel portare avanti l’operazione;

– il disinteresse per il pensiero dei cittadini.

Ci troviamo pienamente in accordo  e aggiungiamo pure :

-un progetto non coperto finanziariamente  come ampiamente dimostrato dai documenti ufficiali.

Il tutto, specialmente in questi tempi e con le notizie di questi giorni, lascia presagire poco di buono nell ’ambito della trasparenza e del vero interesse per la cittadinanza

Alleghiamo mozione presentata dalla consigliera Liliana Zaltron portavoce del Movimento  Stelle  per sollecitare nuovamente i consiglieri  comunali.

 

Al Sig. Sindaco

Al Presidente del Consiglio Comunale

Al Sig. Assessore Delegato

 

MOZIONE

Preso atto che:

Si è chiusa in data 11/02  la petizione on line relativa alla richiesta di indire un referendum consultivo sull’ Alta Velocità/Alta Capacità in cui si chiedeva all’amministrazione comunale  di consentire a tutti i vicentini di esprimersi  tramite referendum sull’attraversamento del nostro  territorio della linea ferroviaria Alta Velocità/Alta Capacità Verona- Padova come atto di democrazia e di rispetto nei confronti dei cittadini e del territorio.
La petizione  è stata sottoscritta da parecchi  cittadini sia on-line che su cartaceo.

Si tratta di un risultato che l’amministrazione non può certo  ignorare.
Questo risultato è altresì rafforzato da numerose richieste che continuiamo a ricevere, da più parti, affinché sia portata avanti la richiesta per l’indizione del referendum.

Visto:
-quanto previsto nello Statuto del Comune di Vicenza, approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 2 del 9 gennaio 2013,  all’art.27 comma 1 “Il Comune di Vicenza, riconosce i referendum quali essenziali momenti di esercizio della sovranità popolare e di espressione di partecipazione dei vicentini alle scelte di governo della città e quali strumenti di integrazione della democrazia rappresentativa con la democrazia diretta nelle decisioni riguardanti la comunità vicentina”;

-quanto previsto all’art. 29  comma 1 “…….due terzi del Consiglio Comunale….possono richiedere l’indizione di referendum consultivi….”;

– la Convenzione di Aarhus ratificata in Italia con la legge n. 108 del 16 marzo 2001- “Convenzione sull’accesso delle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali di governo locale, nazionale e transfrontaliero concernenti l’ambiente”,dove si afferma “ la necessita’ di salvaguardare, tutelare e migliorare lo stato dell’ambiente…………….Riconoscendo che un adeguata tutela dell’ambiente e’ indispensabile per il benessere umano e per il godimento dei diritti fondamentali,….riconoscendo altresi’ che ogni persona ha il diritto di vivere in un ambiente atto ad assicurare la sua salute ed il suo benessere e il dovere di tutelare e migliorare l’ambiente individualmente e collettivamente nell’interesse delle generazioni presenti e future. Considerando che per poter affermare tale diritto e adempiere a tale obbligo i cittadini devono avere accesso alle informazioni, essere ammessi a partecipare ai processi decisionali e avere accesso alla giustizia in materia ambientale…….Riconoscendo che un piu’ ampio accesso alle informazioni e una maggiore partecipazione ai processi decisionali migliorano la qualita’ delle decisioni  e ne rafforzano l’efficacia contribuiscono a sensibilizzare il pubblico alle tematiche ambientali e gli consentono di esprimere le sue preoccupazioni permettendo alle pubbliche  autorità di tenerne adeguatamente conto

-le Linee Programmatiche di Mandato 2013-2018 redatte dall’attuale amministrazione riportano: “Nei prossimi 5 anni l’obiettivo è di rendere la città una comunità più unita e inclusiva, promuovendo il coinvolgimento e il protagonismo dei cittadini nel processo decisione dell’Amministrazione Comunale grazie ad assemblee, confronti pubblici e l’utilizzo di innovativi strumenti di comunicazione e partecipazione anche tramite l’attuazione del Nuovo Statuto”

Il nuovo Statuto prevede al Titolo II Istituti di Partecipazione– Capo IV  Il Referendum

Tutto ciò premesso:

la sottoscritta Liliana Zaltron, in qualità di consigliere comunale, chiede che:

il Consiglio Comunale dia mandato al Sindaco e alla Giunta :

-a procedere affinché venga indetto un referendum consultivo da tenersi in concomitanza con le imminenti consultazioni elettorali regionali.

 

Vicenza, 09/03/2015

Liliana Zaltron

Movimento 5 Stelle- Vicenza

SONO I CITTADINI A CHIEDERVELO

 

Movimento 5  Stelle- Vicenza

 

Print Friendly
Share