Tessere false e appalti in Regione. Pdl, fuori i nomi!

Dopo lo scandalo delle tessere fasulle del Pdl ai danni di molti vicentini tra cui cacciatori e addirittura persone defunte, continua lo spettacolo tragico della “politica dei politicanti” che ha già portato moltissimi a rendersi conto che il rinnovamento tanto atteso non arriverà mai e che è meglio lasciare che la barca affondi.
Il fatto che proprio il coordinatore del Pdl vicentino, l’eurodeputato Sergio Berlato, un anno dopo averlo minacciato, si sia recato in procura a denunciare -documenti alla mano- il sistema degli appalti veneti dei suoi stessi commilitoni, dimostra cosa è stato sempre il Pdl, sia a livello nazionale che locale.
Ma dov’era Berlato in questi 20 anni di “appaltocrazia”? Non fu forse assessore di Galan negli anni ’90 e non appoggiò la Sartori nel 2008? E’ evidente che l’on. Berlato si fa avanti solo ora per ragioni di lotte di potere interne, dinamiche tipiche di questi partiti, dove regna la totale assenza di regole, valori, meritocrazia e rispetto nei confronti dei cittadini e del territorio.

Ci chiediamo se, dopo tanti anni, gli italiani non si siano fatti prendere in giro a sufficienza dai lifting di questi politici e se abbiano capito cosa ci stia a fare un multimiliardario ultrasettantenne nelle sedi rappresentative di un Paese martoriato.
Davvero volete ancora tutto questo? Continuare con i problemi irrisolti, i conflitti di interesse, il gossip e festini, tutto rigorosamente a spese nostre?
L’Italia è sul baratro e le nostre risorse sono state consumate per vent’anni dall’ingordigia di questi individui.
Per il M5S le voragini nei bilanci pubblici sarebbero da far pagare per intero a tutti quegli amministratori che le hanno provocate, per ricominciare da un anno zero, senza pagare il cosiddetto “debito detestabile”.

Come sarebbe da fare a Siena, la prova che il malaffare è bipartisan, tanto di destra quanto di sinistra.
Chi risarcirà tutte quelle famiglie di risparmiatori? E guardando più in là, chi restituirà un futuro alle nuove generazioni private ormai di speranze e della prospettiva di un sano progetto di vita?
Di qualunque colore sia, il malcostume e la corruzione non saranno mai tollerati dal Movimento 5 Stelle. Le istituzioni, che non appartengono a questi politici di professione ma solo e soltanto ai cittadini…armati di competenza e buona volontà!
Ci vediamo in Consiglio Comunale, Regionale e in Parlamento.
Sarà un piacere!

 

Movimento 5 Stelle Vicenza

Print Friendly
Share