Un giovane su due non è cattolico

Cinque anni dopo l”avvento di Benedetto XVI un giovane su due respinge la qualifica di cattolico. Nel 2004 si dicevano cattolici 2 su 3. Questi i dati di un”indagine dell”Istituto Iard. Da tale studio si deduce che i cosidetti principi non negoziabili di Benedetto XVI che hanno impedito la riforma della legge sulla procreazione assistita per consentire ad una madre di non partorire un bimbo già condannato in partenza alla morte, che hanno combattuto una legge sulle coppie di fatto, che hanno vietato le unioni gay e che hanno bloccato l”autodeterminazione del paziente nel testamento biologico, non abbiano aiutato in tale contesto. Tematiche queste a cui le giovani generazioni sono sensibili.

Print Friendly
Share